Le superpotenze e i Paesi più stabilizzanti secondo il nuovo sondaggio mondiale

Gli Stati Uniti e la Cina, che ora sono le più grandi superpotenze e dovrebbero continuare ad esserlo nel prossimo decennio, sono visti come un importante fattore destabilizzante in tutto il mondo. La Russia non fa eccezione ma, rispetto a due anni fa, genera meno paure della Cina. D’altra parte, l’UE è percepita come il fattore più stabilizzante, ma ci si aspetta che non sieda più al tavolo delle superpotenze. Queste sono alcune delle conclusioni derivanti dal nuovo sondaggio mondiale sulle percezioni delle superpotenze internazionali e delle loro politiche, condotta dalla Gallup International Association, di cui BVA Doxa è membro finanziatore. L’indagine copre 45 paesi in tutto il mondo e ha coinvolto oltre 42.000 cittadini adulti, che costituiscono un campione rappresentativo di circa i 2/3 della popolazione mondiale.

LA CINA E GLI STATI UNITI – Secondo la maggior parte della popolazione in tutto il mondo, tra dieci anni la Cina e gli Stati Uniti rimarranno le potenze principali. Anche la Russia è percepita come una superpotenza, ma con meno certezza. Secondo i dati, l’Unione Europea non giocherà un ruolo internazionale centrale, almeno non come superpotenza. Lo stesso vale per Regno Unito, India e Giappone, che non sono nemmeno percepiti come future superpotenze globali.

Negli ultimi anni, l’influenza politica della Cina ha guadagnato sempre più attenzione in tutto il mondo. Le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti hanno dimostrato che la Cina è una delle nazioni leader sulla mappa politica. Questo è forse il motivo per cui le persone in tutto il mondo sono ora più certe che la Cina sarà una superpotenza nel 2030: oltre tre quarti delle persone nell’UE occidentale e più di due terzi delle persone in America Latina condividono questa opinione. Le persone in India sembrano rifiutare la possibilità che la Cina diventi una superpotenza nel 2030. Tra le regioni e i paesi più grandi, l’India è anche l’unico posto in cui la quota di coloro che non sono d’accordo sul fatto che la Cina sarà una superpotenza fra un decennio è maggiore della quota di coloro che sono d’accordo. Tuttavia, questo riflette certamente il livello di ostilità, che dovrebbe essere preso in considerazione nell’interpretazione dei dati. Esitanti su questo argomento sembrano anche persone in Asia e in Russia.

Nel complesso, il 56% delle persone in tutto il mondo concorda sul fatto che nel 2030 gli Stati Uniti saranno ancora una superpotenza. Le persone in Medio Oriente, Asia orientale e negli Stati Uniti sembrano essere le più fiduciose in questa prospettiva. Gli intervistati in Russia, Africa e Asia occidentale, d’altra parte, sono più inclini a non essere d’accordo sul fatto che gli Stati Uniti saranno una superpotenza tra 10 anni.

ALTRE NAZIONI LEADER DA CONSIDERARE: RUSSIA E GIAPPONE – Due intervistati su cinque in tutto il mondo credono che la Russia sarà tra le superpotenze internazionali nel prossimo futuro. Più di un terzo in disaccordo. Significativa è la quota di coloro che non hanno un’opinione a riguardo. Le persone in America Latina, Medio Oriente e nei paesi europei non appartenenti all’UE hanno maggiori probabilità di credere nel ruolo principale della Russia nelle relazioni internazionali. Tuttavia, gli stessi russi non ne sono così sicuri: nonostante un terzo sia d’accordo sul fatto che la Russia sarà tra gli attori principali in tutto il mondo, il 41% non è d’accordo. I meno fiduciosi nella supremazia della Russia sono soprattutto le persone in Russia, oltre alle persone in Asia.

Il Giappone sarà una superpotenza nel 2030 secondo un terzo della popolazione mondiale, mentre quasi la metà non è d’accordo. Le quote maggiori di accordi sono registrate in America Latina e Medio Oriente. D’altra parte, quelli che non sono d’accordo sono più probabilmente le persone in Europa, Russia e Asia. Il meno atteso come superpotenza di domani è l’India: solo il 16% degli intervistati nel mondo afferma che tra 10 anni il Paese rappresenterà un importante fattore internazionale. I cittadini dell’India, tuttavia, sono fermamente convinti che il loro Paese sarà una superpotenza nel 2030 (79%).

La maggior parte delle persone in tutto il mondo non si aspetta che il Regno Unito diventi una superpotenza alla fine dell’attuale decennio. Questa opinione è espressa da più della metà degli intervistati. L’analisi regionale mostra che i cittadini europei sono tra i principali scettici quando si tratta del ruolo internazionale del Regno Unito tra 10 anni. Le persone in Medio Oriente sono più propense a credere nell’importanza internazionale del Regno Unito. La quota di scettici, tuttavia, è la più alta anche lì.

LE SUPERPOTENZE PERCEPITE COME FATTORI DESTABILIZZANTI – Gli Stati Uniti dovrebbero continuare a essere una superpotenza, ma allo stesso tempo gli Stati Uniti sono percepiti come la forza più destabilizzante. Più della metà degli intervistati nel mondo la pensa così. Le persone in Medio Oriente e in Russia considerano gli Stati Uniti prevalentemente destabilizzanti, ma anche cittadini europei (con quote significative nei paesi dell’UE occidentali), dell’Asia occidentale e dell’America Latina. Si ritiene che le politiche degli Stati si stabilizzino principalmente in India e (ma non in modo così evidente) nell’Asia orientale.

Gli atteggiamenti verso le politiche USA sono rimasti invariati negli ultimi anni – nel 2018 e nel 2019 le quote di coloro che consideravano gli Stati stabilizzanti (28% nel 2018 e 31% nel 2019) e destabilizzanti (56% nel 2018 e 54% nel 2019) sono praticamente gli stessi dell’attuale ondata di sondaggi. La nuova amministrazione negli USA potrebbe portare alcuni cambiamenti nel quadro globale, cambiamenti che solo ulteriori ondate di raccolta dati possono confermare o meno.

La maggior parte delle persone nel mondo pensa che anche le politiche della Russia siano piuttosto destabilizzanti: circa la metà dei rispondenti descrive la Russia come una potenza destabilizzante. L’India è tra le grandi nazioni e regioni del mondo in cui le persone sono più fiduciose nel ruolo stabilizzante della Russia come superpotenza. Anche i cittadini russi percepiscono il loro paese come piuttosto stabilizzante, anche se con meno fiducia. Anche gli atteggiamenti nei confronti delle politiche della Russia sono piuttosto coerenti con le misurazioni precedenti.

Le percezioni sulla Cina nel mondo sono identiche a quelle sugli Stati Uniti e sulla Russia: circa la metà degli intervistati considera il paese un fattore internazionale destabilizzante, mentre un terzo vede la Cina come piuttosto stabilizzante. Le politiche della Cina sono viste piuttosto stabilizzate nelle regioni dell’Asia occidentale e dell’Africa. I più fiduciosi nell’affermazione opposta sono i cittadini dell’UE, del Medio Oriente, dell’India e dell’Asia orientale.

IL RUOLO DELL’EUROPA – Secondo la maggioranza in tutto il mondo, l’UE non è considerata una delle superpotenze mondiali. Un terzo, invece, crede il contrario. Più ottimisti riguardo all’importanza dell’UE a livello internazionale sono le persone in Medio Oriente e in America Latina. Più scettici sembrano gli stessi europei, in particolare i cittadini dell’UE occidentali.

Sebbene non si preveda che rimanga una superpotenza tra 10 anni, l’UE è l’unica superpotenza attuale valutata a livello mondiale come un fattore piuttosto stabilizzante sulla mappa politica: la quota più alta delle risposte in tutto il mondo è a favore di questa opinione. Due su cinque ritengono che l’UE sia un fattore stabilizzante, un terzo afferma che è destabilizzante per il mondo e un quarto esita a rispondere. Su scala globale, principalmente gli europei vedono l’UE come una potenza stabilizzatrice, ma anche i cittadini dell’America Latina e dell’Asia orientale. D’altra parte, le persone in Medio Oriente e in Russia credono che l’UE sia piuttosto una superpotenza destabilizzante. Nel complesso, la quota di coloro che percepiscono l’Unione europea come un fattore stabilizzante è diminuita di 8 punti percentuali in un anno. Quindi, sembra che non ci sia superpotenza internazionale che sia percepita come stabilizzante da una forte maggioranza, un risultato tutt’altro che promettente considerando la pandemia che il mondo sta affrontando.

E COSA NE PENSANO GLI ITALIANI? – Secondo gli intervistati italiani, il Paese con più probabilità di essere una superpotenza nel 2030 è la Cina, con il 75% degli italiani che lo dichiara. Subito dopo la Cina, gli italiani indicano come superpotenze USA (63%) Russia (58%), Giappone (51%), India (23%), mentre solo il 19% crede che il Regno Unito sarà tra questi. Proprio come i cittadini dell’Unione Europea, solo il 18% degli italiani crede che l’UE stessa sarà una superpotenza ma, il lato positivo, il 33% di loro pensa all’UE come a un fattore stabilizzante sulla mappa politica globale. L’Unione Europea è considerata dagli italiani il fattore più stabilizzante nello scenario internazionale, seguita da Russia (28%), USA e Cina (entrambi 26%).

Sondaggio condotto tra ottobre e novembre 2020, faccia a faccia, per telefono o online. Sondaggio condotto in: Afghanistan, Argentina, Armenia, Australia, Austria, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Colombia, Costa d’Avorio, Repubblica Ceca, Ecuador, Finlandia, Georgia, Germania, Ghana, Hong Kong, India, Indonesia, Iraq, Italia, Giappone, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kosovo, Kirghizistan, Macedonia del Nord, Malesia, Messico, Nigeria, Pakistan, Palestina, Perù, Filippine, Polonia, Russia, Serbia, Repubblica di Corea, Spagna, Svizzera , Thailandia, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti, Vietnam.

Info

Per richieste di informazioni o per un preventivo, si prega di compilare il modulo

Vuoi ricevere le nostre ricerche via mail? Iscriviti subito

Post Correlati