Certificazione del processo di ricerca e dei risultati relativi all’indagine
“IRC Strategico” 2023.

23 ottobre 2023

La rilevazione dell’IRC Strategico, commissionata annualmente da Crédit Agricole Italia S.p.A., viene effettuata tramite ricerca statistica su un campione di Clienti Retail Privati di Crédit Agricole Italia e di altri player bancari presenti in Italia, nelle aree di presenza delle Filiali del Gruppo.

Le interviste sono svolte telefonicamente (metodologia CATI) tramite l’utilizzo di un questionario strutturato della durata media di 10 minuti che esplora tutte le componenti della relazione tra il Cliente e la propria Banca principale (Raccomandazione, Soddisfazione, Immagine, Personale della Banca, Canali di relazione, Offerta e prodotti).

L’Indice di Raccomandazione (IRC) è calcolato per ogni Banca in rilevazione a partire dalla domanda posta nel questionario:

“Con quale probabilità lei consiglierebbe <Bank>* a un familiare, amico, collega?

Risponda con una valutazione tra 0 e 10, dove 0 significa “sicuramente non la raccomanderei” e 10 “sicuramente la raccomanderei”. I voti intermedi le permettono di modulare il suo giudizio.”

Le risposte fornite a questa domanda sono classificate in:

  • Detrattori: Clienti che forniscono giudizio da 0 a 6
  • Neutrali: Clienti che forniscono giudizio 7 e 8
  • Promotori: Clienti che forniscono giudizio 9 e 10

L’Indice di Raccomandazione (IRC) è dato dalla differenza tra la % di Promotori e la % di Detrattori (IRC=%Promotori – %Detrattori).

BVA Doxa certifica che l’Indice di Raccomandazione (IRC) dei Clienti Retail Privati nei confronti di Crédit Agricole Italia rilevato nel periodo Settembre – Ottobre 2023 è di +13 p.ti e posiziona Crédit Agricole Italia al vertice del mercato di banche universali analizzato.

*<Bank> = Nel questionario viene chiesto agli intervistati di indicare di quali banche sono Clienti come persone fisiche private. In caso di rapporti con una sola Banca l’intervista viene effettuata su questa; in caso di rapporti con più Banche viene chiesto di indicare l’istituto considerato come principale, ovvero quello con cui si hanno più rapporti, e l’intervista viene effettuata su quest’ultimo. Nel caso in cui l’intervistato dichiari di avere più Banche e di non averne una principale, l’istituto su cui effettuare l’intervista viene selezionato da BVA Doxa in base alle esigenze di ricerca.

ASPETTI METODOLOGICI

BVA Doxa certifica che:

  • sono state effettuate 3.475 interviste ad un campione di Titolari di un conto corrente come clienti Privati presso uno o più istituti bancari selezionati sul territorio italiano, con età compresa tra i 18 e i 75 anni. L’intervista è stata effettuata nei confronti della propria Banca principale.
  • Le interviste sono state effettuate a soggetti residenti nelle aree di presenza delle filiali del Gruppo Crédit Agricole Italia: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino – Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Campania, Lazio, Sicilia.
  • Oltre a Crédit Agricole Italia, le Banche in rilevazione sono state: Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banco BPM, Monte dei Paschi di Siena, BPER Banca, BNL – BNP Paribas, Credem.
  • Il periodo di rilevazione è stato settembre 2023 – ottobre 2023. Le interviste sono state svolte tramite canale telefonico (metodologia CATI).
  • Per Crédit Agricole Italia è stato costruito un campione stratificato per età, area geografica, segmento di riferimento da CB ed i nominativi sono stati forniti dalla Banca, mentre per le Banche competitor è stato costruito un campione stratificato per età, area geografica e quota sportelli delle banche in rilevazione ed i nominativi sono stati reperiti da BVA Doxa.
  • Rappresentatività del campione inclusa l’indicazione del margine di errore:
    Campione Clienti Crédit Agricole Italia – Margine di errore al 95%: 3,4
    Campione Benchmark – Margine di errore al 95%: 1,9

I criteri di realizzazione della ricerca e di redazione del presente documento sono basati sulla base di prescrizioni di metodologia di ricerca sociale e di marketing e delle buone pratiche e consuetudini riportate dal codice di deontologia delle ricerche espressi dalle linee guida Assirm (Associazione Italiana degli Istituti di Ricerche di Mercato www.assirm.it), appartenente a Confindustria e Efamro (Federazione europea delle associazioni che raccolgono le associazioni di istituti di ricerca www.efamro.eu).

Gli autori della presente relazione sono:

Gabriele Bassi, Senior Research Manager BVA Doxa, gabriele.bassi@bva-doxa.com

Roberto Riccardi, Chief Analyst BVA Doxa, roberto.riccardi@bva-doxa.com

BVA Doxa
è un membro di

Segui le nostre
notizie

Doxa S.p.A. Società Benefit – Via della Chiusa, 2 20123 MilanoC.F./ P.IVA/REA-MI n. 00935420158 – Capitale sociale: 500.000,00 euro i.v.

WHISTLEBLOWING

Doxa, socio fondatore ASSIRM e Società Benefit, da sempre promuove una cultura aziendale ispirata ai valori etici di responsabilità, integrità e trasparenza nella gestione del business interni e nei rapporti con i vari stakeholder.

In quest’ottica, in ottemperanza al D.Lgs. 10 marzo 2023 n. 24, ha definito e adottato una Policy di Whistleblowing che prevede canali dedicati e modalità di gestione delle segnalazioni di condotte illecite e reati nei luoghi di lavoro che garantiscono riservatezza e tutela del segnalante.

Tutte le segnalazioni vengono gestite, inoltre, secondo un processo definito che garantisce obiettività di analisi e responsabilità nella gestione affidata a una funzione indipendente ed esterna.

Le segnalazioni possono avere a oggetto ogni notizia relativa a possibili violazioni di legge.

Possono fare segnalazioni tutti i dipendenti, i collaboratori e gli altri soggetti terzi che interagiscono nel contesto lavorativo di Doxa (es. consulenti, liberi professionisti, ecc.).

 

Contatto per inviare una segnalazione: whistleblowing_bvadoxa@legalmail.it